Legge di Bilancio 2018: nuovi incentivi per le assunzioni

Project Overview

Tris di agevolazioni nella Legge di Bilancio 2018 con il bonus giovani che prevede uno sgravio contributivo triennale per tutte le imprese in procinto di assumere nuove risorse junior.
Lo sconto arriva da gennaio 2018 in poi, ma vale anche per le assunzioni che le aziende intendono anticipare negli ultimi due mesi dell’anno, dove sono in vigore ancora gli incentivi relativi all’anno 2017.
Attualmente la misura è inserita in bozza nella Legge di Bilancio 2018 e quindi nel corso della sua discussione in Parlamento potrebbe ancora subire modifiche.

 Per quali contratti di assunzione è riconosciuto?

I datori di lavoro potranno beneficiare del bonus solo con la stipula di contratti stabili a tutele crescenti e a tempo indeterminato. Lo sconto sui contributi previdenziali è riconosciuto anche nei casi di:

prosecuzione a partire dal 1° gennaio 2018 di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato;

conversione di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, nel rispetto dei requisiti anagrafici richiesti al lavoratore.

Le condizioni per  accedere al bonus

I datori di lavoro che intendono beneficiare del bonus per le nuove assunzioni di giovani:

nei sei mesi precedenti l’assunzione non devono aver effettuato licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo ovvero licenziamenti collettivi, pena la revoca dell’esonero e il recupero del beneficio già fruito;

in caso di revoca del bonus ad un datore di lavoro non comporta la perdita del diritto a beneficiare dell’incentivo ad altri datori di lavoro privati che intendono assumere il lavoratore.

Nel caso di parziale fruizione dell’esonero da parte di un datore di lavoro, per il lavoratore assunto nuovamente da un’altra impresa è riconosciuto il diritto a beneficiare della quota di sgravio per il periodo residuo indipendentemente dall’età anagrafica del lavoratore.

Fascia anagrafica dei lavoratori

I datori di lavoro privati potranno beneficiare del bonus assunzione del 50% e del 100% in casi specifici per i contratti stabili nel rispetto dei seguenti limiti di età:

per l’assunzione di giovani under 35 per tutto il 2018, a patto che non siano mai stati titolari di contratti a tempo indeterminato;
per l’assunzione di giovani fino a 29 anni a partire dal 2019.

Importo e durata dello sgravio contributivo

L’importo massimo dello sgravio contributivo per i datori di lavoro sarà pari a 3.000 euro all’anno e per tre anni, innalzato a 8.060 euro nel caso in cui il bonus assunzione giovani sia riconosciuto nella misura del 100%.

L’esonero dai versamenti dei contributi previdenziali è riconosciuto nella misura del 50% per un massimo di 36 mesi per i contratti a tempo indeterminato e nelle regole sopra descritte.

Lo sgravio contributivo è invece riconosciuto ai datori di lavoro nella misura del 100% dei contributi previdenziali, ad esclusione dei premi e contributi Inail, ai datori di lavoro privati che assumono, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio:

studenti che hanno svolto presso il medesimo datore attività di alternanza scuola-lavoro pari almeno al 30 per cento delle ore di alternanza previste ai sensi dell’articolo 1, comma 33, della legge 13 luglio 2015, n. 107.

studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

Project Details