Il Whistleblowing e le tutele per chi denuncia gli illeciti

Project Overview

Whistleblowing: tutela del dipendente e dell’interesse pubblico

I dipendenti pubblici e privati sono finalmente garantiti grazie all’entrata in vigore della legge sulla tutela di chi segnala illeciti nel luogo di lavoro. La tutela del dipendente come whistleblower, letteralmente “soffiatore di fischietti” o anche “sentinella civica” (definizione proposta da Transparency International Italia) era già prevista nelle convenzioni internazionali (Consiglio d’Europa, OCSE, ONU).
Nel rapporto Transparency International dal titolo Whisteblowing in Europe. Legal Protection for whistleblowers in the EU, l’Italia è annoverata fra quei paesi europei che fanno un uso parziale del whistleblowing, in linea tuttavia con gran parte dell’area UE (Austria, Germania, Danimarca, Irlanda, Malta, Francia). I quattro paesi che hanno una prassi consolidata e avanzata in merito sono: Regno Unito, Romania, Slovenia e Lussemburgo.
L’entrata in vigore della legge in Italia si pone in continuità con la tutela e il perseguimento pubblico a livello europeo. A ottobre 2017, L’European Center of Press and Media Freedom ha pubblicato un dossier speciale dal titolo Whistleblowers: looking for European protection che evidenzia come la protezione del whistleblower abbia delle conseguenze positive, in termini economici, nelle istituzioni pubbliche e nei singoli Paesi dell’area UE.

 

Come avviene la segnalazione di illeciti

Nel settore pubblico, chi denuncia un illecito non potrà subire alcun demansionamento o essere licenziato, in quanto agisce nell’interesse pubblico. Non a caso la presidente della Camera ha recentemente definito il whistleblower un “servitore dello Stato”. Il whistleblower, in base alla nuova legge, denuncerà l’illecito in condizioni di segretezza, attenendosi a specifici canali di segnalazione, come l’ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione) o l’autorità giudiziaria. La tutela si estende anche ai lavoratori e/o collaboratori delle imprese fornitrici di beni o servizi e che operano in favore della PA.

La tutela del whistleblower

Il datore di lavoro è soggetto al pagamento di una sanzione (fino a 50mila euro), come del resto anche il responsabile anticorruzione, qualora non si attenga alle procedure relative alla segnalazione. L’identità del whistleblower non potrà essere rivelata: nell’ambito del procedimento penale, l’identità del segnalante è tutelata nei limiti previsti dall’articolo 329 del Codice di procedura penale. Qualora la contestazione si riveli fondata, la segnalazione potrà essere utilizzabile ai fini del procedimento disciplinare soltanto se chi ha segnalato l’illecito dà il consenso alla rivelazione della sua identità.

Il whistleblower e il settore privato

La tutela del whistleblower si estende anche al settore privato – sia dal lato dei lavoratori, sia dal lato delle aziende stesse – prevedendo nei modelli organizzativi predisposti le norme a tutela della riservatezza di chi segnala illeciti e contro eventuali ritorsioni. Questo è valido solo all’interno degli enti che hanno adottato suddetti modelli. In caso di segnalazioni esterne, la legge non prevede alcuna tutela. Il Decreto introduce la responsabilità amministrativa a carico dell’ente. La legge sul whistleblowing implica l’aggiornamento dei modelli di organizzazione previsti dal d.lgs. n. 231/2001. Dal lato delle imprese, tali modelli prevedono delle misure in grado di contrastare l’eventuale commissione di illeciti oltre alle sanzioni applicate nei confronti delle aziende, qualora la segnalazione da parte dei dipendenti risulti infondata.
La legge introduce il divieto di atti ritorsivi o discriminatori, nei confronti del segnalante, eccezion fatta per le false segnalazioni. La legge prevede che – soprattutto in base all’aggiornamento di tali modelli che costituiscono un criterio oggettivo per dimostrare se l’azienda, a sua volta, non compie illeciti – il datore di lavoro abbia l’onere di provare che eventuali demansionamenti e licenziamenti sono stati adottati per ragioni estranee alla segnalazione.

Project Details