BILANCIO DI COMPENTENZE: UN PERCORSO PER CONOSCERSI

Project Overview

La vita è impermanenza. Noi protagonisti dei suoi complessi scenari ci evolviamo costantemente.
Nel flusso dei suoi sviluppi imprevedibili spesso perdiamo la visione della nostra immagine reale, rimanendo ancorati alla vecchia versione di noi stessi.
In questa fase è necessario che lo sguardo volga verso l’interno, perché più quell’immagine é nitida e più i nostri obiettivi di vita diventano chiari, realistici e motivanti.
Il lavoro ci appartiene e ci chiama ad offrire la parte più importante noi, il famoso valore aggiunto, quel quid che ci rende riconoscibili permettendo ai membri del nostro team di sceglierci ogni giorno.
È proprio nell’universo multiforme delle aziende, che nasce un metodo di conoscenza e di evoluzione personale oggi utilizzato in modo crescente in molteplici ambiti di scelta.
È il bilancio di competenze, una complessa attività di orientamento, un percorso guidato per trovare nuove prospettive per il proprio sviluppo professionale e non solo.
L’obiettivo è quello di sostenere l’analisi delle competenze dei destinatari del bilancio, affinché essi diventino più consapevoli del contesto in cui posso interagire spendendo le proprie potenzialità in un modo coerente.
Oggi il Bilancio di Competenze è considerato fondamentale tanto per i lavoratori quanto per i datori di lavoro, quando si devono stabilire dei cambiamenti di mansione o decidere delle promozioni.

FINALITÀ DEL PERCORSO

Il Bilancio di Competenze deve rispondere sempre a 4 finalità di base:
1) Individuazione delle competenze della risorsa o anche definizione delle potenzialità che possono essere sviluppate
2) Sostegno dello sviluppo delle sue capacità di auto-valutazione e scelta per diminuire lo scarto tra piano ideale e piano reale
3) Potenziamento delle risorse personali ed emozionali
4) Pianificazione dell’elaborazione di un progetto concreto per lo sviluppo personale/professionale.

TRE GRANDI FASI DEL BILANCIO DI COMPETENZE

Prima tappa – Presentazione e accoglienza
Si valuta la possibilità di effettuare un’azione di Bilancio, analizzando i bisogni specifici e il problema che alimenta la richiesta.

Seconda Tappa – Analisi del Potenziale
Si avvia un’attività di testing volta a esplorare risorse personali e professionali del soggetto interessato

Una delle azioni fondamentali di questa fase è costituita dalla riflessione su:

La motivazione, l’energia indispensabile per la definizione degli obiettivi

Le capacità le cose che ci piace fare. Gli ingredienti operativi del lavoro, trasferibili da un settore ad un altro, frutto della formazione e dell’esperienza sul campo

Gli Interessi ovvero nel lavoro il settore dove vorremmo lavorare ed esercitare le nostre capacità

I valori le cose importanti della vita, la basa motivazionale delle nostre azioni

Le modalità di lavoro legate alle dimensioni del tempo, dell’appartenenza, dell’autonomia

L’ambiente di lavoro che con le sue caratteristiche fisiche e umane può rendere molto diverso nella realtà un identico profilo professionale

Lo stile personale Il modo che abbiamo di fare le cose

Le qualità personali i punti di forza che ci portano ad eccellere

I punti deboli difetti e limiti che se valutati ci consentono di definire obiettivi professionali realistici e concreti tenendo conto delle nostre limitazioni.

Terza Tappa – Elaborazione del Progetto Finale
Revisione dei dati raccolti che intrecciati con le linee del progetto futuro posso accrescere la consapevolezza di ciò che può favorire o ostacolare il nostro piano, identificandone le tappe necessarie.

Quarta Tappa – Accompagnamento durante la quale si verifica la realizzazione del progetto professionale

GLI STRUMENTI PER IL BILANCIO

Le metodologie di intervento sono due e la scelta delle rispettive dipende dall’obiettivo, dalle caratteristiche culturali e dall’età dei destinatari:

Il colloquio individuale – che accompagna soprattutto la fase finale del percorso

Il colloquio di gruppo – che verte sul confronto guidato con l’utilizzo di diversi strumenti di riflessione: schede, test, questionari, laboratori creativi o interattivi-comunicativi.

Ma non solo lavoro. Il bilancio di competenze spesso può sostenere una riflessione in grado di stimolare una migliore organizzazione di tutti i settori della propria vita.
Esistono crescenti applicazioni di questa metodologia definiti Bilanci Personali rivolti a persone che si trovano ad affrontare fasi di cambiamento importanti per la propria vita personale.

Il metodo è comprovato utile ed efficace ma senza la collaborazione sincera, attiva e propositiva della risorsa è del tutto inutile. Il fattore decisivo è sempre la nostra capacità di auto-determinarci.

 

 

 

 

Project Details